Lunedì - Venerdì 08:00 - 22:00 | Martedì e Giovedì dalle 6.00 | Sabato 09:00 - 18:00 | Domenica 09:00 - 13:00
Chiamaci: 049 597 9264
Lunedì - Venerdì 08:00 - 22:00 | Martedì e Giovedì dalle 6.00 | Sabato 09:00 - 18:00 | Domenica 09:00 - 13:00
Chiamaci: 049 597 9264
Blog
  • Home Page
05
02
2019

Yoga: fisiologia e anatomia di un sapere millenario – 2′ parte

Scritto da Giada Tessari 0

Nel precedente articolo vi ho introdotto il rapporto fra sistema nervoso centrale e la postura introducendo anche il rapporto fra chakra, plessi solari, fissazioni e sistema endocrino. Sono rapporti che per chi studia lo Yoga diventano ovvi, ma che possono sfuggire a chi conosce “un solo lato della medaglia” o si è dedicato ad un solo ramo della conoscenza. Dopo aver iniziato con i chakra, è arrivato il momento di passare alle fissazioni o hungs up. Sono delle contrazioni muscolari croniche che ci tengono letteralmente appesi in alto, aggrappati. Attraverso la creazioni di illusioni, le fissazioni muscolari, ci tengono fuori dal realtà. Alexander Lowen sosteneva che: “ Tutti gli individui fissati o appesi hanno una tristezza profonda e molti preferirebbero rimanere fissati piuttosto che affrontarla “. Le emozioni bloccate e racchiuse in una fissazione o armatura creata da una contrattura muscolare, ci danno l’illusione di poter essere controllare.

Questo perché non appena il corpo “percepisce”, “ascolta” , “vede” il cambiamento, esso stesso manda alla mente un segnale di paura. Allora le fissazioni diventano più forti, più contratte, più rigide…più “morti”. Soprattutto perché diventa più contratto e spastico il diaframma bloccando la respirazione dandoci, ancora una volta, l’illusione di poter controllare le emozioni sottostanti. Ma il corpo non mente, quindi osservandolo si possono leggere nel corpo permettendoci di capire trauma e conflitto che le hanno create, a volte capire anche le illusioni che ci tengono imprigionati nel relativo conflitto. Osservando la foto potete notare come i blocchi, le fissazioni si trovino nel medesimo posto, nel copro, dove si trovano i chakra e corrispondono per la quasi totalità ai diaframmi. In dettaglio i sette segmenti dell’Armatura o Corazza Caratteriale sono :

  1. Oculare: Corrisponde al Primo Chakra ed al Plesso Coronale

  2. Orale: Corrisponde al Secondo Chakra ed al Plesso Occipitale

  3. Cervicale: Corrisponde al Terzo Chakra ed al Plesso Brachiale

  4. Toracico: Corrisponde al Quarto Chakra ed al Plesso Cardiaco

  5. Diaframmatico: Corrisponde al Quinto Chakra ed al Plesso Solare

  6. Addominale: Corrisponde al Sesto Chakra ed al Plesso Sacrale

  7. Pelvico: Corrisponde al Settimo Chakra ed al Plesso Coccigeo

Osserviamo ora i plessi nervosi, innanzitutto cosa sono i plessi nervosi ? 

Un plesso nervoso è una rete di nervi spinali che si intersecano raggruppandosi per servire una specifica zona del corpo. La radice anteriore e quella posteriore si uniscono a costituire il nervo spinale che attraversa il forame intervertebrale per dividersi in un ramo posteriore ed uno anteriore. I rami anteriore ( Ventrali ) dei nervi spinali si anastomizzano tra loro per dare origine ai Plessi Nervosi. Il nervo Spinale è un nervo misto che trasporta i segnali sensitivi al midollo spinale tramite la radice ed il ganglio spinale e trasporta i segnali motori in uscita. Ciò dimostra che i plessi possono essere considerati dei punti di “snodo” delle informazioni. Ad ogni plesso sono associati ghiandole ed organi corrispondenti così come succede ai Chakra.

Esistono diversi plessi nervosi, così come li possiamo trovare anche negli organi viscerali, ma quelli che interessano, relativi all’argomento trattato, sono quelli situati, all’incirca, nella parte ventrale della colonna vertebrale :

  1. Coccigeo,
  2. Sacrale,
  3. Solare,
  4. Cardiaco,
  5. Brachiale,
  6. Occipitale,
  7. Coronale

Particolare importanza assume anche il sistema endocrino che produce sostanze chimiche (ormoni) che influenzano lentamente i vari processi e producono graduali mutamenti. Esso costituisce la base dell’attività del sistema nervoso, il quale regola quasi tutte le funzioni corporee mediante i diversi riflessi e risposte rapide agli stimoli ambientali. Esso costituisce inoltre un delicato sistema difensivo e coordina tutti gli altri apparati. Osservare come ad ogni chakra corrisponde una ghiandola endocrina, è affascinante e stupefacente!

Osservare le corrispondenze siano fra chakra, fissazioni, plessi nervosi e ghiandole endocrine è per me sempre fonte di meraviglia…sotto definizioni e termini diversi sembra esservi un unica realtà. 

Vediamo le corrispondenze. Le linee rosse orizzontali rappresentano i sette blocchi energetici della Bioenergetica, mentre le forme circolari colorate rappresentano sia i Chakra che i Plessi Nervosi corrispondenti. Pertanto, partendo dall’alto avremo :

  1. Chakra Corona – Colore Viola – Pituitaria – Plesso Coronale

  2. Chakra Fronte – Colore Indaco – Pineale – Plesso Occipitale

  3. Chakra Gola – Colore Blu – Tiroide – Plesso Brachiale

  4. Chakra Cuore – Colore Verde – Timo – Plesso Cardiaco

  5. Chakra Solare – Colore Giallo – Pancreas – Plesso Solare

  6. Chakra MilzaColore Arancione – Gonadi – Plesso Sacrale

  7. Chakra RadiceColore Rosso – Surreni – Plesso Coccigeo

Leggere nel corpo il blocchi energetici significa anche leggere i punti organici di minor resistenza nei quali è più frequente il manifestarsi di patologie. La mente plasma il corpo ed il corpo plasma la mente, il corpo però ha una sua saggezza che la mente non comprende, esso ci parla più di quanto si possa immaginare anche se è difficile saperlo leggere ed interpretare nel rispetto del suo linguaggio.

Interessante vero? Nel prossimo articolo sullo Yoga spiegherò meglio il sistema endocrino, nel frattempo puoi allenarti con noi durante le lezioni di Hatha Yoga e Yoga in volo sia a Cittadella che a San Martino di Lupari.