Lunedì - Mercoledì - Venerdì 08:00 - 22:00 | Martedì - Giovedì 07:00 - 22:00 | Sabato 09:00 - 18:00 | Domenica 09:00 - 13:00
Chiamaci: 049 597 9264
Lunedì - Mercoledì - Venerdì 08:00 - 22:00 | Martedì - Giovedì 07:00 - 22:00 | Sabato 09:00 - 18:00 | Domenica 09:00 - 13:00
Chiamaci: 049 597 9264
Blog
  • Home Page
11
11
2019

Pilates intermidiate matwork

Scritto da Giada Tessari 0

Dopo che nei precedenti articoli abbiamo preso in esame quali sono i principi del metodo Pilates, quali i principi tecnici, e abbiamo preso in esame tutti gli esercizi del matwork base, cominciamo ad avvicinarci gradualmente alle lezioni ed agli esercizi del livello intermidiate. Il Pilates, come già detto, consta di molti e svariati esercizi, il metodo della Federazione Italiana Fitness (che siamo onorati di seguire ed ospitare nei suoi corsi istruttori nella sede di Cittadella) li suddivide in tre matwork distinti:

  1. principianti, con ben 16 esercizi codificati;
  2. intermedio, con altri 10 esercizi codificati;
  3. avanzato, con altri 9 esercizi codificati.

Gli esercizi si intendono come “foto finali“, ovvero posizioni che richiedono un grande lavoro e un’ottima programmazione da parte dell’insegnante.  Le lezioni si svolgono grazie all’apprendimento e alla ripetizione di variazioni, preparazioni e propedeutiche per arrivare alle foto finali. Prima di arrivare ad esse infatti il corpo deve diventare di lezioni in lezione più funzionale ed efficace, preparato in termini di forza posturale e funzionalità articolare.

Il Matwork intermidiate nel programma FIF viene introdotto negli allenamenti con altri 10 nuovi esercizi che si aggiungono ai 16 precedenti. Tutti vengono eseguiti con variazioni più avanzate dove altri principi tradizionali sono integrati e imparati: si punterà molto di più su precisione e fluidità (ora che i precedenti principi sono stati automatizzati).

Osserviamoli uno ad uno aggiungendo per ciascuno categoria di appartenenza ed obiettivo. Nei prossimi articoli, oltre a presentare i programmi intermedio ed avanzato, andremo a prendere in esame ogni singola foto finale con analisi muscolare, punti chiave, immagini, sviluppo, errori comuni in modo da aiutarti nel tuo viaggio alla scoperta del tuo corpo e delle sue potenzialità seguendo la tecnica Pilates.

  1. disteso supino:
    1. double leg stretch: rientra nella categoria degli esercizi di forza stabilizzatrice e mobilizzazione periferica. Allunga assialmente i muscoli posteriori grazie alla contrazione degli anteriori e rinforza tutto il core.
    2. The roll over: non è indicato per persone con problemi di osteoporosi. Rientra nella categoria degli esercizi di forza dinamica ed equilibrio. Insegna a distribuire in modo ottimale la flessione di ogni piccolo segmento articolare lungo tutto l’asse.
    3. The neck pull: rientra nella categoria degli esercizi di forza dinamica. Oltre al potenziamento addominale, serve a mobilizzare tutta la catena posteriore vertebra by vertebra (come diceva Pilates).
    4. The jack knife: rientra nella categoria degli esercizi di forza statica e dinamica, ed equilibrio. Serve a mobilizzare in flessione la zona dorsale indipendentemente della zona lombare.
  2. Da seduto:
    1. The crab: rientra nella categoria degli esercizi di mobilità ed equilibrio. Serve a mobilizzare e stabilizzare nello scambio.
    2. The teaser: rientra nella categoria degli esercizi di forza statica e dinamica. Serve ad apprendere la stabilizzazione e la stabilizzazione dinamica nella flessione dell’anca, dissociando la zona dorsale che rimane sempre in allungo assiale.
  3. Da disteso laterale:
    1. The side kick kneeling: rientra nella categoria degli esercizi di forza ed equilibrio. Insegna a stabilizzare una posizione con base d’appoggio ridotta mantenendo la postura ideale in modo efficace.
  4. Da disteso prono:
    1. The one leg kick: rientra nella categoria degli esercizi di stretching attivo e forza stabilizzatrice. Insegna ad aprire la catena anteriore con il minimo sforzo muscolare.
    2. Double kick: rientra nella categoria degli esercizi di stretching attivo e forza statica e dinamica. Insegna ad aprire la catena anteriore con il minimo sforzo muscolare.
    3. The leg pull prone: rientra nella categoria degli esercizi di forza stabilizzatrice e mobilità periferica. Insegna ad integrare il lavoro del cingolo scapolare con il posizionamento e la stabilizzazione costale, e di conseguenza di tutto il corpo.

Tutti questi esercizi e le loro preparazioni potete eseguirli sia nei corsi che nelle sale sia a Cittadella che a San Martino di Lupari. I corsi nello specifico sono tutte le varianti di Pilates, oltre al Pilates Posturale. A presto!