Lunedì - Mercoledì - Venerdì 08:00 - 22:00 | Martedì - Giovedì 07:00 - 22:00 | Sabato 09:00 - 18:00 | Domenica 09:00 - 13:00
Chiamaci: 049 597 9264
Lunedì - Mercoledì - Venerdì 08:00 - 22:00 | Martedì - Giovedì 07:00 - 22:00 | Sabato 09:00 - 18:00 | Domenica 09:00 - 13:00
Chiamaci: 049 597 9264
Blog
  • Home Page
22
06
2020

Pilates barre workout: il Pilates che tonifica e allunga

Scritto da Giada Tessari 0

L’idea di un corso che unisca i principi del Pilates con un allenamento alla barra della danza classica, nasce dall’esigenza di ampliare la gamma delle attività proposte, rimanendo nell’ambito di un lavoro posturale aggiungendo però al training anche la stimolazione dell’apparato cardio-vascolare. Da tempo esiste anche lo standing Pilates (o Pilates da in piedi) proprio per avvicinare sempre più la pratica Pilates alla quotidianità in modo da creare sane abitudini posturali nei nostri allievi: nessuno si muove con un tappetino appoggiato alla schiena o supino. Da qui nasce la necessità, una volta appresi i  principi base della tecnica, di portarli alla posizione utilizzata nella quotidianità in modo da rendere il tutto più funzionale alla vita di tutti i giorni.

Questa tipologia di lavoro non ha come obbligatorietà la presenza di una barra della danza classica, ma è sufficiente un appoggio, come potrebbe essere una sedia, in modo tale che l’allievo potrebbe svolgere anche a casa alcune sequenze imparate a lezione, rendendo il suo allenamento più efficace ed il suo benessere più duraturo nel tempo. Se si osservano infatti i punti chiave del lavoro da in piedi, potete comprendere come sia assolutamente di grande aiuto nel benessere quotidiano:

  • appoggio del piede al suolo,
  • posizione di ginocchia e anche,
  • neutro del bacino,
  • auto-allungameto della colonna,
  • posizione della testa,
  • sguardo,
  • posizione delle spalle,
  • mantenimento dei precedenti punti in movimento su tutti i piani di lavoro.

Diversamente dalle altre lezioni di Pilates, in questa la musica comincia ad assumere un ruolo fondamentale per andare a scandire i tempi: non si tratta di danzare, di fare movimenti ballati, ma di imparare a gestire il movimento in base a tempi ben precisi. Anche nella vita di tutti i giorni ci vengono richiesti movimenti specifici in breve tempo, o movimenti specifici ben coordinati: come allenarci o preparaci a questo? Attraverso sequenze coordinate e stabilizzate in palestra, magari dapprima non a tempo di musica, in modo che l’allievo possa apprenderle ed affinarle al meglio, ma con il tempo, al miglioramento delle sue abilità coordinative e di attivazione motoria, con la musica che guida.

Il Pilates barre poi, come tutte le attività Pilates o sulla postura, apporta numerosi i benefici:
migliora il tono muscolare. Molti degli esercizi utilizzati sono eseguiti in isometria, coinvolgendo sempre il nucleo profondo. Ne risulterà una muscolatura tonica ma allungata.
• Migliora la postura. Validità a 360° dei principi posturali del Pilates: già dalla prima lezione, soprattutto i clienti che non arrivano dalla pratica del metodo, ‘sentiranno’ muscoli prima di allora sconosciuti.
• Migliora flessibilità e mobilità. Il lavoro parallelo su parametri strettamente collegati uno all’altro, ne garantirà un mutuo incremento costante.
• Migliora la circolazione linfatica. Senza entrare nel dettaglio del legame tra sistema circolatorio e linfatico, basti solo pensare alla stimolazione continua della soletta di Lejars che favorisce il ritorno del sangue al cuore.
• Migliora l’umore. Se le classi di Pilates ti stanno annoiando, ecco ciò che fa per te: stessi obiettivi in una lezione dinamica, in stazione eretta.
• Migliora controllo e propriocezione. Il lavoro al centro, al barre, al Mat nella stessa lezione, diretti dai principi tradizionali e posturali del metodo aiuteranno a incrementare la percezione del nostro corpo nello spazio e i suoi movimenti.
• Migliora il rapporto tra massa magra e grassa. Questa lezione, essendo più dinamica rispetto alle classiche lezioni Pilates, richiede un impegno muscolare a cardio-circolatorio superiore, con un dispendi durante e post esercizio superiori.

La lezione si struttura in questo modo:

• Warm up al centro o alla barra. Posizioni e movimenti base della danza integrate ai classici esercizi di riscaldamento dello standing Pilates.
• Routine alla barre. Sequenze di esercizi a intensità crescente che prevedono l’alternanza tra vari piani di lavoro (frontale, sagittale o trasverso), varie catene mio-fasciali (catena posteriore, anteriore profonda, anteriore superficiale, laterale, spirale).
• Fase finale sul mat (con o senza props)  a compensare i distretti muscolari non presi in considerazione durante le routine.

Ti aspetto alle lezioni di Pilates Barre.