Lunedì - Venerdì 08:00 - 22:00 | Martedì e Giovedì dalle 6.00 | Sabato 09:00 - 18:00 | Domenica 09:00 - 13:00
Chiamaci: 049 597 9264
Lunedì - Venerdì 08:00 - 22:00 | Martedì e Giovedì dalle 6.00 | Sabato 09:00 - 18:00 | Domenica 09:00 - 13:00
Chiamaci: 049 597 9264
Blog
  • Home Page
24
10
2018

Pilates mamma bambino: doppio benessere

Scritto da Giada Tessari 0

Prendersi cura del proprio bambino prendendosi contemporaneamente cura di se stesse: ma come trovare il tempo? A chi lasciare il bambino? Portando il bambino con te perché il Pilates si può fare anche insieme al bambino!

Con la gravidanza il corpo femminile subisce importanti modificazioni, perdendo la tonicità dei muscoli, in modo particolare quelli dell’addome, con possibili conseguenze a livello lombare. Durante la gravidanza, l’aumento del volume dell’utero ed il peso del bambino modificano la postura della donna, causando indolenzimenti e contratture che, se non curate adeguatamente, possono avere ricadute sulla schiena. Anche i muscoli del pavimento pelvico risentono del peso del bambino e delle spinte necessarie alla nascita, andando incontro, spesso, a fastidiosi problemi d’incontinenza. Per non parlare della stanchezza generale, in seguito al parto ed al costante accudimento del bebè subito dopo la nascita.

Allenarsi e fare la mamma è possibile, occorre trovare gli spazi e le insegnanti adatte

Per recuperare la forma fisica ed eliminare il senso di spossatezza, un valido aiuto è il Pilates; una ginnastica dolce, ideata dal tedesco Joseph Pilates che coinvolge, con i suoi esercizi, tutto l’organismo con attenzione anche alla respirazione per migliorare l’equilibrio psico-fisico, lavorare sul rinforzo del Core (o corsetto addominale che sostiene la colonna), migliorare la flessibilità della colonna, rinforzare muscoli di addome, braccia e gambe per meglio accudire il bambino e prendersi cura anche di se stesse. Il principale obiettivo del Pilates è quello di insegnare ad assumere una corretta postura qualsiasi posizione assumiamo, restituendo fluidità ai movimenti e tonicità muscolare. Questo è l’aspetto più importante per una donna che ha subito modificazioni importanti alla postura con la gravidanza.

Il corso è pensato per lavorare assieme, per condividere l’esperienza del movimento corporeo in collaborazione dei propri bimbi. E’ un programma pensato per dare alle neo-mamme la possibilità di allenarsi in compagnia del proprio bambino già dalla terza settimana dopo il parto e dalla sesta settimana in caso di parto cesareo. Il piccolo durante la lezione rimane sempre in contatto con il corpo della mamma: il loro rapporto, così importante nei primi mesi di vita, viene così stimolato e rafforzato con la spontaneità di tutti i movimenti.

È un corso di Pilates specifico, che prevede l’esecuzione degli esercizi in collaborazione dei propri bimbi. Per la mamma è importante per riattivare il pavimento pelvico e alleviare le contratture della zona cervicale dovute all’allattamento, inoltre rinforza la schiena e la muscolatura addominale. Svolgendo una serie di esercizi, con attenzione sulla respirazione, si ottiene una maggiore consapevolezza del proprio corpo, oltre a rendere armonici e fluidi i movimenti. La precisione nell’esecuzione di ogni singolo passaggio consente il raggiungimento di un equilibrio psico-fisico, importante per mantenere costante la postura anche durante il resto della giornata, quando la mamma esegue innumerevoli piegamenti per gestire le esigenze del figlio.

Inoltre le ricerche sullo sviluppo infantile dimostrano che quando i bambini vengono massaggiati, cullati, mossi e fisicamente stimolati nel contesto di un caldo rapporto interpersonale con la madre, possono compiere dei grandi passi avanti nello sviluppo delle loro capacità motorie, dell’acutezza visiva, della memoria e della discriminazione sensoriale, per citare solo alcuni dei molti vantaggi. Attraverso esercizi che coinvolgono la diade, vengono favoriti sia lo sviluppo psico-fisico ed emotivo del neonato che l’equilibrio del ritmo sonno-veglia.

Incontrarsi con altre mamme, in un contesto accogliente, favorisce il confronto e la condivisione circa le difficoltà delle fasi evolutive dei piccolini.